AL VIA PROCEDURE RINNOVO CONTRATTO COMPARTO SANITA’

NON CI SIAMO. COSI’ E’ GIA’ VERTENZA !

Come avevamo anticipato la scorsa settimana il comitato di settore per il comparto sanità si è riunito sotto la direzione del suo presidente, Romano Colozzi (Assessore alle Finanze della Regione Lombardia) per stabilire le risorse da mettere a disposizione per il contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del servizio sanitario nazionale cioè il personale della sanità pubblica.
Stiamo parlando di oltre 500.000 lavoratori e professionisti sanitari che attendono da oltre 10 mesi l’apertura del tavolo contrattuale. prendiamo atto della ricognizione effettuata sulle risorse dal comitato di settore e della volontà dello stesso comitato di predisporre una bozza contrattuale per aprire finalmente il confronto ma diciamo fin da subito che le cifre che sono state diffuse non coincidono con quelle ipotizzate da questa organizzazione sindacale.
Non vorremmo infatti, come è già avvenuto in passato, dover aprire immediatamente una vertenza perché la base di calcolo per la rivalutazione è sottostimata.
Abbiamo in ogni caso già chiesto al Presidente del comitato di settore, al Presidente la Conferenza delle Regioni ed al Ministro per gli Affari Regionali un incontro urgente al fine di comprendere se vi sono margini per scongiurare un conflitto altrimenti inevitabile.
Secondo le stime del comitato di settore infatti le risorse sarebbero così quantificate:
– Per il 2008 sono disponibili 147 milioni di euro circa, corrispondenti alla “vacanza contrattuale”.
– Per il 2009 invece, a regime, e’ previsto un ammontare complessivo di finanziamenti pari a un miliardo e 178 milioni di euro, corrispondenti all’inflazione programmata (1,7 % e 1,5 % per ognuno dei due anni).
Manca ora il comitato di settore per il comparto Regioni – Autonomie locali ma le premesse, ormai, ci dicono che le parti pubbliche , centrali e locali,  seguono uno schema molto simile.
Attendiamo gli incontri ma semba che gli spazi siano davvero pochi.
Ufficio Stampa FSI

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento