Tribunale di S. Maria CV: chiusura della sezione distaccata di Caserta Lettera al Ministro Alfonso Bonafede

Al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

 

Egregio Signor Ministro,

Le scriviamo in merito alla chiusura della Sezione di Caserta.

Solo il giorno prima si sono apprese le modalità di chiusura assicurando ugualmente il funzionamento della Sezione.

Gli stessi avvocati sammaritani hanno chiesto l’immediata riapertura di Caserta in quanto il disagio per i dipendenti e per tutti gli operatori che usufruivano dei servizi erogati.

Nel contempo non sono state informate né le RSU né le OO.SS. di questo provvedimento.

La struttura individuata dal Ministero della ex caserma Fiore, alla meglio ristrutturata, non risulta idonea ed è insufficiente per spazi e non sicura a ricevere il carico di tutto il settore civile di Santa Maria C.V.

Si ricorda che Caserta è un capoluogo di Provincia e che il Tribunale non andava soppresso anche perché l’Ufficio Giudiziario era ospitato in una struttura di” Edilizia Giudiziaria” e quindi a costo zero!!!

A nulla son servite le istanze a Lei dirette da parte di un gruppo di cittadini casertani.

Il 13 settembre i camion di una ditta di trasporti hanno impacchettato i computer e le sedie e hanno comunicato ai dipendenti che il giorno dopo dovevano essere a Santa Maria Capua Vetere!!

È inutile elencare gli ulteriori carichi di lavoro compiuti dai dipendenti e dagli undici Magistrati addetti.

Il maggior disagio ricade sulle spalle dei dipendenti che a loro spese, ogni mattina, si devono recare, a turno, presso i Giudici di pace dove sono state requisite delle aule per fare in modo che i Magistrati svolgano le udienze.

Il personale sta attraversando uno stato di prostrazione psicofisica.

Per quanto sopra si chiede l’immediata riapertura degli Uffici della Sezione di Caserta al fine di sollevare i dipendenti dallo stato di profondo sconforto che ha prodotto questa decisione improvvisa e non pianificata e garantire, non da ultimo, un servizio efficiente della Giustizia a tutti i cittadini della Provincia e, nel contempo, si chiede un immediato incontro sulla materia oggetto della nota.

 

Il Coordinatore Nazionale
Paola Saraceni
347.0662930

Print Friendly, PDF & Email