FSI USAE SCUOLA sulla bozza del concorso straordinario infanzia e primaria : garantire la valutazione del servizio espletato nelle scuole paritarie ai fini della partecipazione

Come è noto la legge 9 agosto 2018 n.96 di conversione del decreto legge n.87 c.d. dignità, all’art. 4 co.1 novies in tema di misure finalizzate alla continuità didattiche ha previsto che “Il contenuto del bando, i termini e le modalità di presentazione delle domande, i titoli valutabili, le modalità di espletamento della prova orale, i criteri di valutazione dei titoli e della prova orale, nonché la composizione delle commissioni di valutazione e la misura del contributo idonea sono disciplinati con decreto del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, da adottare entro sessanta giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. ..”.

Pur prendendo atto della bozza messa a punto dai tecnici del Ministero, che prevede la partecipazione di tutti gli abilitati con diploma magistrale entro A.A. 2001/02 e laureati in Scienze della Formazione Primaria, in possesso di 2 anni di servizio svolti negli ultimi 8 anni,- così il Coordinatore Nazionale di FSI-USAE Scuola Prof. Maurizio Danza-, riteniamo che il testo vada modificato alfine di consentire la valutazione ai fini della partecipazione al concorso straordinario, anche del servizio di insegnamento svolto da  numerosi docenti presso le scuola paritarie per almeno due anni come da proposta formulata dalla Ns. federazione al Ministero.

UFFICIO STAMPA FSI USAE SCUOLA

 

Print Friendly, PDF & Email