Il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e il Banco BPM S.p.A. hanno stipulato apposita Convenzione al fine di concedere ai propri dipendenti un anticipo del Trattamento di fine servizio

Dal 6 febbraio il personale del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria potrà chiedere l’anticipazione della cosiddetta liquidazione spettante al momento di andare in pensione. Lo prevede una apposita Convenzione sottoscritta dal Capo del DAP, Francesco Basentini, e da Marcello Saitta, responsabile della filiale di Banco BPMS.p.A. di Montecitorio.

Con l’intesa, il personale avente diritto, appartenente sia alla Polizia Penitenziaria sia al comparto funzioni centrali, potrà richiedere a Banco BPM l’anticipazione del trattamento di fine servizio (TFS). L’istituto si impegna a esaminare le richieste e a esprimere il proprio parere in merito alla concessione entro 15 giorni dal ricevimento della necessaria documentazione.

Sarà cura dei richiedenti notificare all’INPS la cessione a tutti gli effetti del credito spettante: l’accredito della somma avverrà solo dopo che l’INPS avrà formalmente comunicato a Banco BPM la propria accettazione in merito alla cessione del credito.

Le condizioni economiche contenute nella Convenzione saranno valide fino al 31 dicembre 2020 e, in mancanza di disdetta, saranno prorogate.

Si allega il testo dell’accordo.

Per informazioni:
Banco BPM, filiale di Roma Montecitorio, tel 0669549200, mail dip2323@bancobpm.it

Il Coordinatore Nazionale Paola Saraceni 347.0662930 fsi.funzionicentrali@usaenet.org  

Print Friendly, PDF & Email