Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – Richiesta di revisione della mobilità obbligatoria

La scrivente O.S. disapprova fortemente il progetto elaborato in merito alla distribuzione sul territorio nazionale del personale rientrante nell’ALIQUOTA B del concorso indicato in oggetto. Si fa presente che parliamo di un concorso del 2008 al quale hanno partecipato lavoratori che oggi non sono più i giovani di allora:

nel corso degli anni hanno creato una famiglia; hanno acceso un mutuo per acquistare una casa; inseriti i propri figli nel contesto socio-culturale in cui vivono; etc.

Come si può pensare di sradicare intere famiglie dal nord per portale al sud e viceversa. Ancora una volta questo Corpo di Polizia si vede e si sente penalizzato.  Senza considerare che, in caso di trasferimento di un numero così elevato di personale, l’istituto di provenienza comunque subirebbe un ammanco notevole.

Ci sembra un progetto che va a scapito di tutti: sia del personale che dell’Amministrazione.

Pertanto si chiede, a chi è responsabile dell’ideazione del Piano di ridistribuzione del personale dell’ALIQUOTA B) e al Dipartimento della Giustizia Minorile e Comunità, nonché ai Provveditorati Regionali, di riconsiderare i criteri di assegnazione di nuove sedi solo nell’ambito della Provincia di residenza del vincitore del concorso in questione.

Si anticipa, che se il piano non verrà ripensato con gli indirizzi suggeriti dalla scrivente, a malincuore e con sentimenti di grande frustrazione, molti dipendenti saranno costretti a rinunciare al concorso, vanificando impegni e sacrifici di tanti anni di lavoro.

Sperando, vivamente, che quanto sopra evidenziato venga accolto, si saluta cordialmente.

IL COORDINATORE NAZIONALE

CORPO POLIZIA PENITENZIARIA

Salvatore Sardisco

Cell. 333/1635995

salvosardi@gmail.com

Print Friendly, PDF & Email