ACCORDO SULL’UTILIZZAZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE PER L’ANNO 2019

Il giorno 29 luglio 2020 presso la sede del Ministero della giustizia

Le Parti, Considerate le disponibilità del Fondo risorse decentrate per l’anno 2019 complessivamente pari ad € 60.646.328,00 al netto delle decurtazioni relative alle effettive risorse utilizzate per le progressioni economiche all’interno delle aree di cui all’accordo 10 gennaio 2019 pari ad € 15.544.982,00 (attribuite con decorrenza 1° gennaio 2019) come di seguito ripartite:

Amministrazione giudiziaria                                          € 50.951.573,00

Amministrazione penitenziaria                                      €   5.918.449,00

Amministrazione giustizia minorile e di comunità €   3.776.306,00 Totale € 60.646.328,00

Considerate le disponibilità del Fondo risorse decentrate relativo all’Amministrazione degli Archivi notarili, non ricomprese negli stanziamenti di bilancio del Ministero, complessivamente pari a € 528.248,34 per il medesimo anno 2019;

Considerato che gli importi sopra indicati sono da considerare al netto delle somme utilizzate per finanziare le progressioni economiche previste dal C.C.N.I. sottoscritto il 29 luglio 2010 e di quelle utilizzate per finanziare le progressioni economiche del personale come definite dall’art. 3 dell’accordo sottoscritto il 10 novembre 2011, di quelle relative all’Accordo 21 dicembre 2017 nonché di quelle di cui all’Accordo 10 gennaio 2019, considerando, altresì, che risultano tuttora accantonate e disponibili le risorse pari ad € 140.022,00 destinate a finanziare n. 270 passaggi economici del personale dell’Amministrazione giudiziaria previsti dal C.C.N.I. 2010 e dall’art. 1, lett. b), dell’Accordo 2011;

Visti gli articoli 76 e 77 del C.C.N.L. 2016 – 2018 e gli articoli 32 e ss. del C.C.N.I. sottoscritto il 29 luglio 2010;

Considerato che le risorse destinate al fondo di sede e demandate alla contrattazione a livello decentrato devono essere erogate in aderenza ai principi posti dalle vigenti normative in forza dei quali:

  1. il pagamento deve essere correlato all’effettiva realizzazione dei miglioramenti di produttività misurabili e previamente definiti, secondo un metodo di programmazione per obiettivi e non è consentito erogare somme al personale per l’ordinaria attività lavorativa;
  2. deve essere rispettato il principio della correlazione dei premi di produttività all’effettivo incremento della produttività;
  3. non è, pertanto, consentita la c.d. erogazione “a pioggia” dei compensi fondata su motivazioni che si rivelino generiche e non riscontrabili

Considerato che nel presente accordo occorre tener conto della programmazione relativa alle progressioni economiche orizzontali con l’impegno delle parti alla ridefinizione dei relativi criteri di valutazione anche attraverso la valorizzazione delle esperienze maturate in servizio; Ritenute prioritarie le finalità indicate nell’articolato che segue

CONCORDANO

Articolo 1

 Premesse

Le premesse costituiscono parte integrante del presente accordo.

Articolo 2

Amministrazione Giudiziaria

Le risorse del Fondo risorse decentrate per l’anno 2019 destinate al personale in servizio presso l’Amministrazione giudiziaria pari ad € 50.951.573,00 (importo comprensivo degli oneri a carico dell’amministrazione) al netto delle risorse già utilizzate per finanziare le progressioni economiche citate in premessa, sono destinate:

  1. nella misura massima di € 10.000.000,00 per remunerare le particolari posizioni di lavoro previste dagli articoli 34 (turnazioni), 35 (reperibilità), 36 (maneggio valori), 37 (guida automezzi), 38 (assistenza al magistrato in udienza), 39 (assistenza per l’audizione a distanza), 40 (servizio relazioni con il pubblico) e 41 (indennità di mansione per i centralinisti non vedenti) del C.C.N.I. del 29 luglio 2010 nonché per il pagamento dell’indennità prevista dall’articolo 14, comma 8 (lavoro pomeridiano) del medesimo contratto integrativo, con esclusione, in quest’ultimo caso, di erogazione di indennità per turni pomeridiani. Quanto all’indennità di cui al richiamato art.

38, la stessa viene corrisposta nella misura prevista dall’accordo sull’utilizzazione del Fondo risorse decentrate per l’anno 2010 sottoscritto il 10 novembre 2011. Per le particolari posizioni di lavoro previste dagli articoli 34 e 35 del citato C.C.N.I. del 29 luglio 2010 continuano ad applicarsi le discipline in atto definite sulla base dei precedenti C.C.N.L. come indicato dagli articoli 19 e 20 del C.C.N.L. relativo al personale del comparto funzioni centrali per il triennio 2016 – 2018.

  • nella misura di € 40.951.573,00 per finanziare il fondo di sede da contrattare a livello decentrato entro 60 giorni dalla data di avvio della fase attuativa del presente accordo, che sarà comunicata con apposita circolare dell’amministrazione centrale.

Tali risorse sono destinate, in misura non superiore all’80 per cento, all’erogazione di compensi finalizzati all’incentivazione della produttività e alla valorizzazione del merito, determinati sulla base dei seguenti elementi:

  • incremento dei livelli di efficacia ed efficienza dei servizi istituzionali come risultanti dalla perfomance dell’unità organizzativa o di specifiche aree di responsabilità;
  • assiduità partecipativa anche desumibile dai dati risultanti dal sistema di rilevazione delle presenze utilizzato presso ciascun ufficio;
  • parametri di differenziazione individuati sulla base dell’indennità di amministrazione.

La performance dell’unità o area organizzativa viene valutata sulla base dei risultati connessi alle attività e agli obiettivi oggetto di almeno uno dei seguenti documenti previsti nell’ambito dell’amministrazione giudiziaria:

  1. piano della performance;
    1. Documento organizzativo generale predisposto dal Capo dell’Ufficio sulla base delle indicazioni fornite dal Consiglio superiore della magistratura a seguito della circolare sulla formazione delle tabelle di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2017/2019 approvata con Delibera di Plenum in data 25 gennaio 2017 – Prot. n. 1318 del 26.1.2017, così come modificata alla data del 22 maggio 2019 (c.d. circolare sulla formazione delle tabelle di organizzazione degli Uffici giudicanti), in conformità alle disposizioni previste dall’art. 7 bis R.D. n. 12 del 1941 e successive modificazioni e integrazioni,  per gli Uffici giudicanti; per gli Uffici del giudice di pace si deve fare riferimento ad analogo documento previsto dalla circolare sulla formazione delle tabelle degli uffici del giudice di pace per il triennio 20182020, approvata dal Consiglio superiore della magistratura con delibera del 13 giugno 2018 (triennio 2018-2020);
    1. Progetto organizzativo generale predisposto ai sensi della Circolare sulla organizzazione degli Uffici di Procura (delibera del 16 novembre 2017 e succ.mod. al 18 giugno 2018), e dalle risoluzioni del Consiglio superiore della magistratura per gli Uffici requirenti;
    1. Programma per la gestione dei procedimenti civili di cui all’art. 37, commi 1 e 2, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111;
    1. Programma delle attività annuali previsto dall’art. 4 del decreto legislativo 25 luglio 2006, n. 240;
    1. Altri programmi ispirati a best practices formalmente adottati e implementati nell’ambito degli uffici giudiziari e altri progetti di sviluppo organizzativo (anche di tipo informatico) condotti dall’Ufficio nell’anno di riferimento.

Il grado di conseguimento degli obiettivi dell’unità o area organizzativa, attestato dal responsabile della struttura ed espresso in termini percentuali, incide sulla valutazione del personale secondo la seguente parametrazione:

Conseguimento obiettivo incidenza sulla valutazione
> 80% 100%
> 60%     fino a  80%   80%
> 40%     fino a  60%   60%
> 25%     fino a  40%   40%
fino a  25%   20%

La quota rimanente, di importo non inferiore al 20 per cento, viene destinata alla ulteriore valorizzazione e remunerazione di apporti individuali particolarmente significativi che hanno consentito, conferendo un impulso decisivo, il perseguimento delle performances dell’Ufficio come definite nel precedente punto.

Le risorse vengono distribuite a livello distrettuale sulla base del personale in organico e divise tra le sedi di contrattazione proporzionalmente al personale presente nell’ambito dei corrispondenti uffici. Per la Direzione generale dei sistemi informativi il fondo sarà calcolato sulla base del personale in servizio, compreso il personale distaccato che non verrà considerato negli organici degli uffici di appartenenza.

Il fondo di sede destinato all’amministrazione centrale viene incrementato, a valere sulle risorse complessive del fondo di sede, di un importo pari ad € 150.000,00 da contrattare a livello decentrato e destinato a remunerare situazioni di particolare impegno, debitamente documentato e motivato, profuso in attività di carattere eccezionale ed aventi rilevanza nazionale.

Nelle more della soluzione delle criticità connesse all’erogazione dei compensi accessori in favore del personale di cui si avvale la Scuola superiore della magistratura ai sensi dell’art. 1, comma 4, del decreto legislativo 30 gennaio 2006, n. 26, nell’ambito del medesimo fondo di sede un importo pari ad € 35.000,00 viene destinato alla remunerazione delle particolari posizioni di cui all’articolo 37 del citato C.C.N.I. del 29 luglio 2010 nonché, per la quota residua, all’incentivazione di detto personale, da contrattare sulla base delle finalità e dei criteri previsti nel presente accordo.

Analogamente, per il personale assegnato all’Ufficio del garante nazionale delle persone detenute o private della libertà personale un importo pari ad € 24.000,00 viene destinato, nell’ambito del medesimo fondo di sede, all’incentivazione di detto personale, da contrattare sulla base delle finalità e dei criteri previsti nel presente accordo.

Le eventuali maggiori disponibilità, accertate a consuntivo, rispetto alle finalizzazioni individuate al precedente punto a) sono destinate ad incrementare le risorse destinate al fondo di sede.

Ai fini della programmazione delle progressioni economiche all’interno delle aree il Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi si impegna a destinare, per l’anno 2020, in considerazione della mancata definizione dell’attività programmatica di cui all’accordo 5 dicembre 2019 relativo al Fondo risorse decentrate per l’anno 2018, l’importo di € 8.000.000,00 ad ulteriori progressioni economiche rispetto a quelle già definite con l’accordo 10 gennaio 2019; è fatta salva la possibilità, in sede di sottoscrizione dell’ipotesi di accordo progressioni economiche 2020, di un aumento di detto importo sulla base della eventuale puntuale quantificazione delle risorse avente carattere di certezza e di stabilità.

Art.  3

Amministrazione Penitenziaria

  1. Le risorse del Fondo risorse decentrate per l’anno 2019 destinate al personale in servizio presso l’Amministrazione penitenziaria pari a euro 5.918.449,00 (importo comprensivo degli oneri a carico dell’Amministrazione), al netto delle risorse già utilizzate per finanziare le progressioni economiche citate in premessa, sono destinate:
    1. nella misura di € 1.000.000,00 per il pagamento delle indennità previste per le “posizioni organizzative”, come da allegato DAP n. 1. Nei limiti di tale risorse, ove necessario, potranno essere apportate a livello centrale variazioni al predetto allegato, comunque nel rispetto degli importi unitari ivi previsti, contenuti nei valori di cui all’art. 18, comma 3 del CCNL sottoscritto il 16 febbraio 1999..
    1. nella misura massima di € 1.201.424,86 per remunerare “particolari posizioni” di lavoro previste dagli artt. 43 a 51 del citato C.C.N.I., di cui all’ allegato DAP   n. 2” e degli importi delle indennità precedentemente retribuite con l’ex capitolo 2010, rideterminate dall’art. 50 del predetto C.C.N.I;
    1. nella misura di € 784.076,20 per finanziare il fondo di sede  da contrattare a livello decentrato, per remunerare eventuali ulteriori particolari posizioni di lavoro, progetti e per incentivare la produttività ed il miglioramento dei servizi, con criteri stabiliti in quella sede sulla base della valutazione e di quanto previsto dalla normativa vigente  e salvaguardando la destinazione di almeno il 20% delle somme alla valorizzazione del merito e della qualità delle prestazioni lavorative con riferimento alla successiva lettera d).
    1. nella misura di € 2.932.947,94 per remunerare il personale in base all’apporto individuale profuso nell’attività lavorativa, sulla base della valutazione e di quanto previsto dalla normativa vigente avuto riguardo alle disposizioni impartite in materia, secondo i seguenti coefficienti:
      1. valutazioni comprese tra  81  e 100          coeff.  1,00
      1. valutazioni comprese tra  41  e   80          coeff.  0,80
      1. valutazioni comprese tra  20  e   40          coeff.  0,40
  2. Le risorse individuate di cui al punto 1, lettere c) e d), saranno distribuite in base all’organico vigente dei provveditorati regionali e divise fra gli istituti e servizi sulla base del personale effettivamente presente per l’anno di riferimento.

Le eventuali maggiori disponibilità, accertate a consuntivo, rispetto alle finalizzazioni individuate al precedente punto 1 lettere a), b) e c) sono destinate ad incrementare le risorse di cui al punto 1, lettera d) del presente articolo.

Ai fini della programmazione delle progressioni economiche all’interno delle aree il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria si impegna a destinare, per l’anno 2020, in considerazione della mancata definizione dell’attività programmatica di cui all’accordo 5 dicembre 2019 relativo al Fondo risorse decentrate per l’anno 2018, l’importo di € 424.300,00 ad ulteriori progressioni economiche rispetto a quelle già definite con l’accordo 10 gennaio 2019; è fatta salva la possibilità, in sede di sottoscrizione dell’ipotesi di accordo progressioni economiche 2020, di un aumento di detto importo sulla base della eventuale puntuale quantificazione delle risorse avente carattere di certezza e di stabilità.

Art.  4

Amministrazione della Giustizia Minorile e di Comunità

  1. Le risorse del fondo unico di amministrazione per l’anno 2019, ammontanti a complessivi € 3.776.306,00 compresi gli oneri a carico dell’amministrazione, al netto delle somme utilizzate per finanziare le progressioni economiche previste dal C.C.N.I. sottoscritto il 29 luglio 2010, di quelle utilizzate per finanziare le progressioni economiche del personale come definite dall’art. 3 dell’Accordo sottoscritto il 10 novembre 2011, dall’art. 8 dell’Accordo 21 dicembre 2017 e dall’art.8 dell’Accordo 10 gennaio 2019, sono utilizzate:
    1. nella misura massima di € 759.363,00 per il pagamento delle indennità previste per le “posizioni organizzative” di cui all’art. 58 del C.C.N.I. del 29 luglio 2010 (Allegato DGMC n. 1);
    1. nella misura massima di 900.000,00 per il pagamento in favore dei centralinisti non vedenti dell’indennità prevista all’articolo 57 del C.C.N.I. e per remunerare le particolari posizioni di lavoro previste agli 54, 55, e 56, l’indennità di cui all’art. 14, comma 8 (lavoro pomeridiano) del C.C.N.I. del 29 luglio 2010 e quanto previsto all’allegato DGMC n 2;
    1. nella misura di € 352.823,83 per finanziare il fondo di sede a disposizione della contrattazione decentrata, per remunerare eventuali ulteriori particolari posizioni di lavoro, progetti e per incentivare la produttività con criteri stabiliti in quella sede sulla base della valutazione e di quanto previsto dalla normativa vigente e salvaguardando la destinazione di almeno il 20% delle somme alla valorizzazione del merito e della qualità delle prestazioni lavorative con riferimento alla successiva lettera d);
    1. nella misura di € 1.764.119,17 per remunerare il personale in base all’apporto individuale profuso nell’attività lavorativa sulla base della valutazione e di quanto previsto dalla normativa vigente avuto riguardo delle disposizioni impartite in materia, secondo i seguenti coefficienti: 
      1. valutazioni comprese tra 81 e 100 coeff. 1,00
      1. valutazioni comprese tra 41 e  80 coeff. 0,80
      1. valutazioni comprese tra 20 e  40 coeff. 0,40
  • Le eventuali maggiori disponibilità, accertate a consuntivo, rispetto alle finalizzazioni individuate al precedente punto 1 lettere a), e b), sono destinate ad incrementare le risorse di cui al punto 1, lettera d) da attribuire ai dipendenti beneficiari del fondo sulla base della valutazione e di quanto previsto dalla normativa vigente.

Le risorse saranno distribuite sulla base del personale previsto nell’ultima dotazione organica di sede.

Ai fini della programmazione delle progressioni economiche all’interno delle aree il Dipartimento della giustizia minorile e di comunità si impegna a destinare, per l’anno 2020, in considerazione della mancata definizione dell’attività programmatica di cui all’accordo 5 dicembre 2019 relativo al Fondo risorse decentrate per l’anno 2018, l’importo di € 338.750,00 ad ulteriori progressioni economiche rispetto a quelle già definite con l’accordo 10 gennaio 2019; è fatta salva la possibilità, in sede di sottoscrizione dell’ipotesi di accordo progressioni economiche 2020, di un aumento di detto importo sulla base della eventuale puntuale quantificazione delle risorse avente carattere di certezza e di stabilità.

Articolo 5

Amministrazione degli Archivi Notarili

Le somme del fondo risorse decentrate (già fondo unico di amministrazione), comprensive degli oneri a carico dell’amministrazione ma al netto della spesa annua sostenuta per finanziare le progressioni economiche attribuite negli anni precedenti (pari ad € 298.975,12) e per quelle con decorrenza dal 1 gennaio 2019 (euro 89.512,00), tenuto conto altresì di risorse aggiuntive affluite per effetto di risparmi conseguiti a seguito delle cessazioni intervenute dal 2015 al 2017, ammontano (salvo diversa determinazione) ad € 528.248,34. Esse sono utilizzate:

  1. nella misura di € 230.959,00, per il pagamento delle indennità previste dall’art. 62 C.C.N.I. 29 luglio 2010 per le “posizioni organizzative”, così come individuate dal “FUA 2010- allegato AA. NN. N.1”.
  2. nella misura massima di € 40.000, per remunerare particolari posizioni di lavoro previste dagli articoli 60 e 61 del C.C.N.I. 29 luglio 2010;
  3. nella misura di € 257.289,34 per finanziare il fondo di sede da contrattare a livello decentrato, al fine di remunerare eventuali ulteriori particolari posizioni di lavoro e al fine di erogare compensi finalizzati all’incentivazione della produttività e alla valorizzazione del merito, sulla base delle disposizioni legislative e contrattuali vigenti. A tale ultimo scopo si terrà conto dei elementi:
  4. incremento dei livelli di efficacia ed efficienza dei servizi istituzionali, come risultanti dalla performance dell’unità organizzativa o di specifiche aree di responsabilità;
  5. apporto individuale profuso nell’attività lavorativa, tenuto conto anche dell’assiduità partecipativa, desumibile dai dati risultanti dal sistema di rilevazione delle presenze utilizzato presso ciascun ufficio;
  6. parametri di differenziazione individuati sulla base dell’indennità di amministrazione.

La performance dell’unità o area organizzativa, in considerazione del peculiare assetto organizzativo degli uffici interessati, viene valutata sulla base dei risultati connessi alle attività svolte e agli obiettivi fissati, collegati a quelli che formano oggetto di almeno uno dei seguenti documenti, previsti nell’ambito dell’amministrazione degli archivi notarili:

1.piano della performance;

2.standard di qualità per i servizi erogati all’utenza e nei rapporti con i fornitori;

3.programmi di diffusione di best practices formalmente adottati nell’ambito degli archivi notarili e progetti di corretta conservazione del materiale documentario.

Il grado di conseguimento degli obiettivi dell’unità o area organizzativa, attestato in termini percentuali dal responsabile della struttura, incide sui compensi diretti ad incentivare la produttività del personale secondo i seguenti parametri:

Conseguimento obiettivo incidenza sulla valutazione
> 80% 100%
> 60%       fino a  80%   80%
> 40%       fino a  60%   60%
> 25%       fino a  40%   40%
fino a   25%   20%

Un importo nella misura di € 10.291,56 viene destinata alla valorizzazione e remunerazione di apporti individuali particolarmente significativi che hanno impresso un impulso decisivo al perseguimento delle performances dell’Ufficio.

Le risorse saranno distribuite proporzionalmente all’organico dei singoli uffici.

Gli eventuali scostamenti, accertati a consuntivo, rispetto alle finalizzazioni individuate ai precedenti punti a), b) incideranno sulle risorse destinate al fondo di sede.

Ai fini della programmazione delle progressioni economiche all’interno delle aree l’Amministrazione degli archivi notarili si impegna a destinare, per l’anno 2020, in considerazione della mancata definizione dell’attività programmatica di cui all’accordo 5 dicembre 2019 relativo al Fondo risorse decentrate per l’anno 2018, l’importo di € 90.000,00 ad ulteriori progressioni economiche rispetto a quelle già definite con l’accordo 10 gennaio 2019; è fatta salva la possibilità, in sede di sottoscrizione dell’ipotesi di accordo progressioni economiche 2020, di un aumento di detto importo sulla base della eventuale puntuale quantificazione delle risorse avente carattere di certezza e di stabilità.

Allegato DAP n. 1

Posizioni organizzative anno 2019                                        
Da attribuire esclusivamente al personale dell’area ” Terza” che ricopra incarichi di particolare responsabilità, conferiti con provvedimento formale e da remunerare secondo quanto previsto nella sottoindicata tabella. Le indennità delle posizioni organizzative non sono cumulabili e non sono concedibili durante il periodo di assenza continua se superiore a 4 mesi.
Strutture Livello struttura  Importo unitario (per 13 mesi)
D.A.P. e  P.R.A.P. Inc. Sup 1.400,00
I° livello 1.330,00
II° livello 1.260,00
III° livello 1.190,00
Scuole II° livello 1.260,00
Istituti di istruzione II° livello 1.260,00
Istituti penitenziari Inc. Sup 1.400,00
I° livello 1.330,00
II° livello 1.260,00
III° livello 1.190,00
 M.V. Firenze II° livello 1.260,00
Per il D.A.P. sono prese in considerazione le unità organizzative compiute (sezioni) di livello non dirigenziale.
Per i P.R.A.P. della Lombardia, del Lazio, Abruzzo e Molise, della Campania e della Sicilia – sono previste un limite di 10 posizioni complessive. Per i Prap dell’Emilia Romagna e Marche, del Piemonte, Liguria e Val d’Aosta, della Puglia e Basilicata, della Toscana e Umbria, del Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, della Calabria e della Sardegna sono previste 9 posizioni complessive.
Per gli Istituti sono prese in considerazione le unità organizzative compiute afferenti le sezioni: contabilità (solo in presenza di autonomia contabile), trattamento, affari generali.
Per le Scuole e gli Istituti di istruzione viene presa in considerazione l’unità organizzativa compiuta afferente la sezione contabilità (solo in presenza di autonomia contabile), affari generali e didattica.
Il numero delle sezioni così individuato non è superabile.
Si intende unità organizzativa compiuta la sezione di livello non dirigenziale attribuita con provvedimento formale al personale appartenente alla terza area funzionale.

Allegato  DAP  n. 2

 PARTICOLARI  POSIZIONI – anno 2019

Turnazioni

Max 8 turni pomeridiani, sia feriali che festivi; 4 turni notturni, sia feriali che festivi; e 2 turni antimeridiani festivi, individuali mensili.

  Importo lordo
Pomeridiano feriale 9,53
Pomeridiano festivo e notturno feriale 15,20
Notturno festivo 29,40
Antimeridiano festivo 15,20

Reperibilità

Max 6 turni individuali mensili complessivi (anche se effettuati in diversi Istituti o Servizi) di cui massimo 2 festivi. (art. 8 D.P.C.M. 30.11.95).

  Importo
Turno di reperibilità di 12 ore – importo giornaliero lordo 20,09
Reperibilità (se inferiore a 12 ore) – importo orario 1,84

 

Servizio disagiato

Si considerano sedi disagiate le strutture penitenziarie di: Gorgona cr, Mamone cr, Venezia ip, Porto Azzurro  cr  , Favignana cr .

Per ogni giorno di presenza lavorativa nelle suddette sedi € 13,00 lordi.

Si considerano, infine, sedi disagiate anche le strutture penitenziarie di: S. Gimignano cr,  Volterra cr , Tolmezzo cc. ed Is Arenas Arbus cr.

Per ogni giorno di presenza lavorativa nelle suddette sedi € 6,00 lordi.

Maneggio valori di cassa

  Lordo Giornaliero
Fino a € 2.065.828,00 4,18
Superiore a € 2.065.828,00 e fino a € 4.131.655,00 4,98
Superiore a € 4.131.655,00 5,98

L’indennità per il maneggio valori spetta soltanto al titolare cassiere, che in forza di provvedimento formale, è addetto in via continuativa al servizio di cassa che comporta il maneggio di denaro e valori o al suo sostituto, nominato con provvedimento formale, solo per le giornate di assenza del titolare. Deve essere inoltre stato reso il conto giudiziale.

Per gli Istituti  e le Scuole l’indennità è prevista solo con autonomia contabile.

Materiale

  Lordo Giornaliero
Istituti con presenza detenuti al 31.12.2018 fino a 100 unità, nonché ai PRAP ed alle Scuole con autonomia contabile 3,32
Istituti con presenza detenuti al 31.12.2018 fino a 400 unità 3,74
Istituti con presenza detenuti al 31.12.2018 superiore a 400 unità, nonché al DAP e MV 4,18

L’indennità per il maneggio di materiale spetta soltanto al contabile titolare, che in forza di provvedimento formale è “responsabile della gestione del materiale”. Può essere corrisposta al suo sostituto, nominato con apposito provvedimento formale, solo per le giornate di assenza del titolare.

Requisiti necessari: provvedimento formale di nomina e conto giudiziale.

Servizio Protezione e prevenzione

L’indennità compete esclusivamente al “Responsabile della sicurezza” munito di provvedimento formale.

  Lordo Giornaliero
Istituti con presenza detenuti al 31.12.2018 fino a 100 unità, nonché ai PRAP, alle Scuole ed alle  Strutture formative e al Magazzino vestiario 4,98
Istituti con presenza detenuti al 31.12.2018 fino a 400 unità 5,61
Istituti con presenza detenuti al 31.12.2018 superiore a 400 unità, nonché al DAP 6,27

Responsabile dell’esecuzione dei progetti socio – trattamentali

SEDI Istituti di I° livello.,+ PRAP + D.G. DET. e TRATTAMENTO Istituti di II° livello Istituti di III° livello.
Importo a progetto € 150,00 per max n. 3 progetti € 150,00 per max n. 2 progetti € 150,00 per max n. 1 progetto

Il premio va attribuito al Responsabile del progetto. Qualora il progetto preveda più responsabili, il premio sarà equamente ripartito in ragione delle unità.

 

Indennità di mansione “Servizio navale”

L’indennità compete agli assistenti tecnici, appartenenti alle ex figure professionali di comandante, direttore di macchina e conduttore di motori navali nella misura di € 6,00 lordi per ogni giorno di effettiva navigazione.

Indennità per responsabilità datoriale

–           relativa alla direzione degli Istituti di Istruzione con compiti di direzione. –            relativa alla direzione del Magazzino vestiario di Firenze .       

Somma annua lorda di 4.000,00 procapite   (mensile lorda € 333,33).

Detta indennità assorbe le eventuali funzioni di capo area.

           All. DGMC n. 1

Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunita’

POSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNO 2019

Posizioni Organizzative Importo
Sede Centrale  49.400
Uffici Minorili 280.103
Uffici EPE 242.737
Totale lordo dipendente 572.240
Oneri c/amm.ne (32,70%) 187.123
TOTALE 759.363

All. DGMC n. 1/2

       POSIZIONI ORGANIZZATIVE SEZIONI SEDE CENTRALE

Ufficio N. Sezioni Importo unitario Totale
                
Sezioni Uffici Sede Centrale 38           1.300       49.400

All. DGMC n. 1/3

POSIZIONI ORGANIZZATIVE SERVIZI MINORILI

POSIZIONI N. Posizio ni Import o unitari o Totale Servizi

Centri Giustizia Minorile

Responsabile amm.vo contabile 11      1.300      14.300  Tutti      
Responsabile servizio tecnico 11      1.300      14.300
Responsabile area amm.vo gestionale 11      1.300      14.300
         33        42.900

Strutture Gruppo 1

IPM * 15      2.500      37.500 Roma Milano Torino Catania Airola Palermo Acireale Bologna Cagliari Catanzaro Firenze Caltanissetta Pontremoli Potenza Treviso Bari Nisida
Responsabile area trattamentale 17      1.033      17.561
Responsabile area amm.vogestionale 17      1.033      17.561
Responsabile area amm.vo – contabile 17      1.033      17.561
USSM 9      2.500      22.500 Roma Milano Napoli Palermo Catania Caltanissetta Catanzaro Lecce Bari    
Responsabile area trattamentale 9  1.033        9.297
Responsabile area amministrativa 9  1.033        9.297
  93     131.27 7

Strutture Gruppo 2

USSM 10      2.300      23.0 00 Ancona Bologna Cagliari Firenze Genova Messina Reggio Calabria Salerno Torino Venezia
Responsabile area trattamentale 10      1.033      10.3 30  
  20       33.33  
      0  

Strutture Gruppo 3

CPA 4      2.300        9.2 00 Catania Milano Napoli Roma
  4         9.20 0  

Strutture Gruppo 4

USSM 10     2.000      20.000 Bolzano Brescia Campobasso L’Aquila Perugia Potenza Sassari Taranto Trento Trieste
  10        20.000  

Strutture Gruppo 5

CPA 11      1.800      19.800 Ancona Firenze Genova L’Aquila Palermo Potenza Salerno Sassari Torino Bologna Lecce
  11        19.800  

Strutture Gruppo 6

Comunità – Centri Polifunzionali 7      1.600      11.200 Comunità: Caltanissetta Catanzaro Reggio C.  Salerno CDP: Nisida Palermo Santa Maria C.V.
  7        11.200

Strutture Gruppo 7

Responsabile area contabile di sede con funzionario delegato attivo con fondi gestiti 12      1.033     12.396 USSM: Roma Campobasso Lecce Messina CPA: Roma L’Aquila Ancona Reggio Calabria Sez. staccata CGM: Genova L’Aquila Trento CDP: Santa Maria C.V.
  12       12.396
TOTALE 190   280.10 3      

* Per gli IPM classificati di livello dirigenziale non generale di cui al D.M. 15 febbraio 2019 l’importo è da corrispondere fino alla data di cessazione dell’incarico.

All. DGMC n. ¼

POSIZIONI ORGANIZZATIVE            UFFICI DI ESECUZIONE PENALE ESTERNA

POSIZIONI N. Posizioni Importo unitario Totale

UFFICI INTERDISTRETTUALI

Area I – Affari Generali 11 1.300 14.300
Area II – Misure e sanzioni 11 1.300 14.300
Area III – Contabilità 11 1.300 14.300
Area IV – Coordinamento interdistrettuale 11 1.300 14.300
  44   57.200

UFFICI DISTRETTUALI

Area I – Affari Generali 18 1.300 23.400
Area II – Misure e sanzioni 18 1.300 23.400
Area III – Contabilità 18 1.300 23.400
  54   70.200

UFFICI LOCALI

Area I – Affari Generali (1° e 2° livello) 35 1.033 36.155
Area II – Misure e sanzioni (Tutti) 43 1.033 44.419
Area III – Contabilità Padova Siena Livorno Foggia Avellino Taranto Caltanissetta Trapani Siracusa Messina Agrigento 11 1.033 11.363
  88   91.937

SEZIONI DISTACCATE

Responsabile sezione 18 1.300 23.400
  18   23.400
TOTALE 204       242.73 7  

 All. DGMC n. 2

Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunita’

PARTICOLARI POSIZIONI DI LAVORO

Turnazioni

Max 8 turni  di cui max 4 turni notturni individuali mensili

  Importo lordo
Feriale 9,53
Festivo e notturno feriale 15,20
Notturno festivo 29,40

 

Reperibilità

Max 8 turni individuali mensili di cui massimo 2 festivi (Art. 8 CCNL 12 gennaio 1996)

  Importo lordo
Turno di reperibilità di 12 ore 20,09
Turno di reperibilità inferiore a 12 ore (importo orario) 1,84

 

Maneggio valori

L’indennità per il maneggio valori spetta soltanto al titolare cassiere che, in forza di provvedimento formale è addetto, in via continuativa al servizio di cassa che comporti maneggio di denaro e valori o al suo  sostituto, nominato con provvedimento formale solo per le giornate di assenza del titolare

  Lordo giornaliero
fino a 2.065.828 4,18
superiore a 2.065.828 4,98

 

Materiale

L’indennità per il maneggio del materiale spetta soltanto al titolare che in forza di provvedimento formale è responsabile, in via continuativa, della gestione del materiale o al suo sostituto, nominato con provvedimento formale solo per le giornate di assenza del titolare

  Importo lordo
Importo giornaliero 3,32

Indennità di mansione per i centralinisti non vedenti

Ai centralinisti non vedenti è riconosciuta l’indennità di mansione di cui all’art.9, comma 1, della legge 29 marzo 1985, n. 113.

Servizio Protezione e prevenzione

Compete esclusivamente al “Responsabile della sicurezza” munito di provvedimento formale.

  Importo lordo
Importo giornaliero 4,98

 

Indennità per responsabilità datoriale

Relativa agli Uffici locali

Funzionari esclusivamente di Professionalità di servizio sociale con compiti di direzione

  Lordo annuo
1° livello: Bolzano Macerata L’Aquila Padova Udine Siena Terni Livorno Trento Taranto Messina Vercelli Siracusa Caltanissetta Agrigento Cuneo Campobasso Trapani Nuoro Frosinone Mantova Modena Massa Foggia Pavia Caserta Alessandria 4.000
2° livello: Bergamo Forlì Avellino Varese Cosenza Brindisi Oristano Latina 3.500
3° livello: Imperia Matera Pistoia Prato Ragusa Teramo Benevento Crotone 3.000

La predetta indennità non è cumulabile con le eventuali funzioni di capo area. In tal caso è liquidata l’indennità meglio retribuita.


Print Friendly, PDF & Email